Buon Natale

Buon Natale
Tommaso e Giacomo sui maialini, simbolo del nostro quartiere.

martedì 25 novembre 2014

Scuola e dintorni

Come promesso, oggi, per tutte le mamme e i papà, parleremo di scuola. 
Non spaventatevi: il sistema scolastico tedesco è totalmente diverso da quello italiano e discende da una mentalità molto differente dalla nostra, quindi nervi saldi. 
Noi cercheremo di riassumerla brevemente e aggiungeremo qualche impressione, tratta dalla nostra personale esperienza.

Cominciamo dai Kindergarten: gli asili tedeschi sono equiparabili ai nostri, con l’unica differenza che in Germania molti Kindergarten accudiscono bambini anche più piccoli (dall’anno e mezzo in poi, credo), un po’ come i nostri asili nido, ma pubblici. 
Per quanto riguarda la regione in cui viviamo (Nordrhein-Westfalen) c’è carenza di posti, quindi bisogna fare molte preiscrizioni e visitare più asili. 
Noi, malgrado Giuseppe avesse già mandato molte domande via internet prima del nostro arrivo, siamo riusciti ad ottenere un posto per Giacomo solo da agosto (inizio del nuovo anno scolastico). 
Siamo stati, comunque, molto fortunati, perché, se pure io non lavoro nostro figlio può rimanere all’asilo fino alle 14,15.  Infatti, se lavorano entrambi i genitori i bambini restano all’asilo fino alle 16,30, ma se un genitore è a casa, l’uscita è prevista alle 12,15. Alcuni asili (perversi a mio avviso) prevedono anche una formula che costringe il bambino a tornare a casa per pranzo e poi si può riportarlo dalle 14,00 alle 16,00. 
Anche i tedeschi sono creativi quando si tratta di complicarsi la vita.

Una cosa da sapere è che tutti i bambini fanno un test di lingua tedesca a due anni e uno a quattro anni. 
Se, per qualche motivo, il test non viene superato, tranquilli, non butteranno vostro figlio dalla rupe Tarpea, ma il Comune fornirà all’asilo in cui è iscritto il bambino i fondi per un corso di sostegno in lingua tedesca che verrà organizzato nell’asilo stesso e in orario “scolastico” . 
Alla famiglia il corso non costa nulla, ma ha l’obbligo di farlo frequentare al proprio figlio. 
Se il bambino non è iscritto ad alcun asilo, viene istituito un corso, sempre obbligatorio, all’interno di una struttura. 
L’asilo viene frequentato fino ai cinque anni di età (come in Italia).

Segue la Grundschule (scuola elementare) che dura solo 4 anni in Germania (dai 6 a 9 anni). Dopo bisogna scegliere un’altra scuola, che comprende le nostre medie e superiori.

Esistono tre tipi di scuole “superiori”:

1) Hauptschule: è  equiparabile al nostro avviamento al lavoro.

2)Realschule: è equiparabile ai nostri istituti tecnici.
Al termine della Realschule, se non si è interessati all’Università non si deve sostenere nessun esame, se si è interessati a qualche facoltà bisogna sostenere un Fachabitur (esame di maturità parziale: solo nelle materie che interessano). 
Esistono anche diversi contratti di formazione-lavoro postdiploma (Ausbildung)

3) Gymnasium. Come suggerisce la parola stessa, è equiparabile ai nostri licei e prevede, al termine del corso di studi, l’Abitur (il nostro esame di maturità). 
Con l’Abitur si ha accesso a qualunque Università. 
In Germania non esistono facoltà a numero chiuso, ma, a seconda del voto ottenuto all’Abitur, si può venir inseriti in liste d’attesa.

A queste scuole si affiancano le Gesamtschule: sono nate circa 20 anni fa e cercano di venire incontro a chi non vuole scegliere il percorso scolastico del proprio figlio così presto. 
Infatti, comprendono sia percorsi liceali che istituti tecnici e il passaggio da un percorso all’altro può avvenire all’interno  dello stesso istituto. 
Come si può facilmente immaginare, queste scuole vengono prese d'assalto, anche perché permettono agli allievi di studiare con meno stress, senza per questo precludersi la possibilità di frequentare il Gymnasium.

Maggiori informazioni si possono trovare sull’opuscolo redatto dai consolati.

Sappiamo che può sembrare folle (e in effetti lo è) che un bambino sia costretto a scegliere il proprio percorso scolastico (e, in qualche modo lavorativo) a nove anni. 
Se a questo aggiungete che le scuole possono non accettare i bambini, in caso di troppe iscrizioni (fatto che accade regolarmente) o di media non sufficiente agli standard previsti e che il parere della scuola (Empfehlung) a questo riguardo, se pure non è più determinante da un paio d’anni, è comunque molto importante, ne esce un quadro piuttosto allucinante per un italiano. 
Senza entrare nel merito di questo sistema, possiamo dire che non piace troppo neanche ai tedeschi. 
Per spezzare una lancia a suo favore bisogna, però, tenete presente che , al contrario di ciò che sembra, questo sistema non è rigido. 
Infatti, se un allievo ha buoni voti, può cambiare percorso (da Realschule a Gymnasium ad esempio) in modo molto semplice; vero è, che può accadere anche il contrario.

Va da sé che più piccoli sono i bambini quando ci si trasferisce, meglio è. 
Le cose sono un po’ più complicate per i bambini che non conoscono il tedesco e che sono troppo grandi per frequentare la scuola elementare. 
Normalmente, vengono inseriti in classi “internazionali” dove possono imparare  il tedesco e, solo dopo, può venire scelta una scuola. 
Spesso questo provoca la retrocessione di un anno o due. 

Esistono però molte alternative. 
Ad esempio, negli ultimi anni, qualche Gesamtschule ha avviato classi “internazionali”, in cui gli allievi frequentano a parte lezioni intensive di tedesco, mentre per le altre materie vengono inseriti in classi regolari. 
In alcune regioni e città (a Colonia esiste) sono presenti anche scuole bilingui italo-tedesche, patrocinate dal consolato italiano, con un ordinamento scolastico italiano, in cui lezioni in italiano (quanto “italiano”!!!) vengono affiancate a lezioni in tedesco. 
Si può, inoltre, (anche questo è valido solo per alcune regioni) usufruire di un insegnante di tedesco pagato metà dal consolato italiano e metà a vostro carico, per aiutare i vostri figli in età scolare nell’apprendimento della lingua tedesca. 
Ancora, esistono varie associazioni che si occupano di integrazione e che, tra i molti servizi, offrono anche aiuto per i compiti a prezzi davvero modici. 
Noi ne abbiamo trovata una (AWO) che costa 15 euro al mese. 

Detto questo, un consiglio: non fatevi prendere dal panico. 
Il sistema sembra complicato e stressante, ma nessun bambino rimane senza andare a scuola. 
Inoltre, almeno per la nostra esperienza, nelle scuole tedesche nessun bambino viene trascurato. 
Appena Tommaso ha cominciato a frequentare la Grundschule (ed era a metà anno scolastico), ha potuto usufruire di varie lezioni di tedesco come lingua straniera all’interno dell’orario scolastico. 
La scuola, a questo fine, ha cercato volontari tra i genitori, perché venissero a far lezione ai bimbi stranieri  utilizzando apposito materiale comperato dalla scuola stessa. La risposta è stata eccezionale e Tommaso faceva 4 ore di DAZ  (tedesco come lingua seconda) alla settimana, coordinate dall’ insegnante della sua classe. 
Inoltre, nella classe è stato seguito molto, ed ha così potuto imparare il tedesco molto velocemente.


4 commenti:

  1. Ciao, quale il costo delle scuole tedesche? Ad esempio il Kindergarten e la Grundschule?

    RispondiElimina
  2. Caro Mick,
    il Kindergarten viene pagato in base al reddito percepito, all'età del bambino e all'orario. Esistono grossomodo 3 orari: solo mattina fino alle 12.00, fino alle 14.00 o fino alle 16.30, più uno che prevede che si vada a prendere il bambino alle 12.00, gli si dia il pranzo e lo si riporti alle 14,00 per andare a riprenderselo alle 16,30. La mensa, se si usa, si paga a parte. Tutte le scuole, di ogni ordine e grado sono completamente gratuite, libri compresi, escluse quelle totalmente private. La Grundschule prevede un servizio pomeridiano con mensa, assistenza compiti e attività ricreative per i bambini i cui genitori lavorano. Anche questo servizio si paga in base al reddito, con mensa pagata a parte.
    Questo almeno nel N.R.W.
    Se ti servono notizie più specifiche,non esitare a scrivermi in pvt su fb

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sto a Francoforte e a mio nipote che sta per cominciare il kindgarten hanno chiesto l'assicurazione e la disdetta(assicurazione) di quella in italia.
      in italia noi non abbiamo assicurazione e vorrei gentilmentre capire di che cosa si trattanon lo so, fore loro intendono l'asl o la disdetta dai mediciitaliani.
      ringrazio anticipatamente per la sua risposta.

      ma da noi

      Elimina
  3. Ciao, non ho capito bene la domanda: il kindergarten ha chiesto l'assicurazione?. Normalmente gli asili, come le scuole, sono coperte da un'assicurazione, in caso il bambino si faccia male (come in Italia). Il costo dell'assicurazione può essere pagato dai genitori o dall'asilo stesso, a seconda dei casi. Non so da quanto siete in Germania, ma potreste semplicemente fare presente che non avete assicurazione in Italia. Se, invece vi stanno chiedendo di disdire l'assicurazione sanitaria italiana per fare quella tedesca è un altro paio di maniche. Se avete voglia contattatemi du f.b. e scrivetemi in privato. Sarò molto contenta se potrò darvi una mano.

    RispondiElimina