Buon Natale

Buon Natale
Tommaso e Giacomo sui maialini, simbolo del nostro quartiere.

venerdì 1 maggio 2015

Un mercatino fa primavera



In Germania sappiamo che la Primavera è arrivata, oltre da quanto detto nel post precedente, dal ritorno (esattamente come le rondini e le anatre) dei mercatini dell'usato.

Da aprile a ottobre qui è tutto un fiorire di mercatini delle pulci (Flohmarkt).

Ce ne sono di tutti i generi e per tutti i gusti.

Appuntamenti imperdibili per tutti i genitori alla ricerca di affari, sono quelli organizzati all'interno di alcune scuole ed asili. In genere, ogni scuola ne organizza uno all'anno, di sabato.



Genitori (organizzati in gruppi o singoli) affiancano venditori professionisti.
Per la legge tedesca i privati non devono fare ricevuta e l'unico obbligo è iscriversi in comune e pagare una piccola tassa (non supera in genere i 15 euro) per l'occupazione giornaliera del posto. Il guadagno non deve essere dichiarato.
Si trova di tutto per i bambini, vestiti ovviamente, libri, giocattoli, zaini di scuola, ma anche abiti da cerimonia, scarpe, biciclette ecc. Per fare gli affari migliori bisogna essere lì prima dell'apertura (in genere alle 8), quindi bisogna svegliarsi presto, ma ne vale davvero la pena (io l'anno scorso ho comprato un paio di scarpe da trekking a Tommaso, praticamente nuove con uno sconto dell'80% rispetto al prezzo di negozio).
In queste occasioni la scuola che ospita il mercatino ne approfitta per raccimolare qualche soldo con la vendita di dolci fatti in casa (da genitori volontari, ovviamente) . Di solito sono deliziosi e a buon prezzo, quindi ne approfittiamo sempre per fare anche colazione.

I mercatini fioriscono anche nelle piazze cittadine, almeno una domenica al mese in questo periodo. Qui si può trovare davvero di tutto, dai cappelli militari d'epoca, ai mobili antichi, dai vestiti usati, ai pennini, dai libri, ai coprisedili di pelle borchiata. Naturalmente, non mancano le cianfrusaglie, ma è un buon modo di passare qualche ora a curiosare tra i banchetti e,magari, scovare qualche affare.

Naturalmente non può mancare il Mercatino delle bici usate (e, infatti non manca): si tiene ogni sabato a Colonia.



Ci sono bici di tutti i gusti e per tutti i prezzi, da quelle con il motore elettrico a quelle d'epoca e, naturalmente, c'è anche un banco che vende tutti gli accessori (molti dei quali, naturalmente, usati).
Quello che non tutti forse sanno è che, in Germania, il venditore vi deve rilasciare un certificato d'acquisto, in modo che la polizia quando vi controlla (e qui la polizia controlla) può stabilire con facilità che quella bici appartiene a voi. 
Fate attenzione a questo particolare quando comprate una bici usata: non tutti i venditori vorranno rilasciarvi questo documento, perchè costa loro 10 euro, ma è molto importante. 
Per fare buoni affari, naturalmente, bisogna arrivare all'alba.

E' ovvio che i tedeschi hanno ben impresso nella mente il film “Shining” e sono d'accordo con Jack Nicholson: “Il mattino ha l'oro in bocca”. Visto il genere di film e come va a finire è una filosofia di vita piuttosto inquietante. Gli orari tedeschi meritano, però, un post a parte.

Divagazioni a parte, al mercatino delle bici siamo andati due settimane fa: ero l'unica della famiglia (esclusa la nonna, che è stata esentata) a non avere la bicicletta, quindi mi sono dovuta attrezzare per poter fare le scampagnate di famiglia. Ci siamo svegliati alle 6 di mattino di sabato, (cosa non si fa per i figli), ma ne sono stata felice, perchè ho trovato una meravigliosa bici, proprio adatta a me: con il sellino basso, vista la mia altezza, ma le ruote grandi come piacciono a me, leggera (è in alluminio) e bianca come la mia prima e unica bicicletta (avevo 17 anni). Inoltre era anche economica. Non ho più scuse, dopo più di vent'anni dovrò tornare a pedalare.


Il Flohmarkt per eccellenza, però, si trova a Bonn, nel meraviglioso parco di Rheinaue, nella pianura alluvionale del Reno.
I tedeschi, infatti, che non sono creativi, nei punti dove il Reno può esondare, non costruiscono, mettono un parco, che, all'occorrenza può essere chiuso senza troppe difficoltà. Gente senza fantasia.
Qui, per tornare all'argomento del nostro post, ogni terzo sabato del mese, c'è un grandissimo mercato delle pulci che si estende su una superficie di 4 Km quadrati. I privati non hanno neppure bisogno di chiedere il permesso in comune per mettere un banco. L'unico costo è una caparra di 10 euro, che viene restituita, se la postazione viene lasciata pulita.


Oltre alla ricerca dell'oggetto dei desideri (se non lo trovate qui, allora non esiste) si può godere della bellezza di questo parco, con il suo “giardino delle rose”, il "giardino giapponese", gli immensi prati verdi costeggiati da deliziosi boschetti, gli stagni con cigni e papere.


Tra un giretto e l'altro potrete fermarvi a riposare in riva al Reno, o far visita ai cervi, alle renne e ai molti altri animali (tra cui coniglietti e caprette) ospitati qui.
Non abbiate paura di morire di fame, in queste occasioni non mancano mai stand, banchi e postazioni che vendono cibo; perferito da tutti i tedeschi il piatto cittadino “currywurst con patate fritte” (e vabbè non si può avere tutto dalla vita).

Se passate di qua non potete perdervelo. Buoni affari a tutti.

3 commenti:

  1. Wow, sarebbe il mio sogno. Poter aprire un mercatino dell'usato in Germania. Con tanto di valutazione a domicilio e trasporto. Chissà se esistono li. O solo bancarelle?

    RispondiElimina
  2. caro Giuseppe, qui esistono eccome, si chiamano "Second Hand". Ce ne sono moltissimi, sia dipendenti da associazioni, sia di privati. Posso anche dirti che sono molto frequentati, perchè i tedeschi, indipendentemente dal loro reddito, adorano fare affari. Naturalmente bisogna conoscere il tedesco (scusa se insisto sempre su questo dolorosissimo tasto) ma, da quello che sappiamo, leggi e permessi sono molto più semplici da ottenere. In bocca al lupo e facci sapere se vieni a bonn ad aprirlo, ti faremo volentierissimo visita (e pubblicità)

    RispondiElimina
  3. Grazie mille, sei stata gentilissima. Ti lascio la mia email (bscity @ alice .it) mi piacerebbe poterti chiedere alcune cose sui mercatini tedeschi.
    Auf Wiedersehen !!!!

    RispondiElimina