Buon Natale

Buon Natale
Tommaso e Giacomo sui maialini, simbolo del nostro quartiere.

martedì 15 dicembre 2015

“N” come...


Tutti voi voi starete pensando a “N” come Natale e certamente non potete sbagliare, ma per me in questi giorni è “N” come “Nostalgia”.


Nostalgia di tutti gli amici con i quali ci incontravamo in questo periodo per scambiarci gli auguri. 
Un'occasione per vedere quelli da cui gli impegni della vita ci avevano allontanato, per aggiornare e venire aggiornati, ma anche per festeggiare con quelli di sempre, quella famiglia bizzarra che ci scegliamo e da cui veniamo scelti.

In questi giorni è anche nata la figlia di una carissima amica, a cui vogliamo fare i nostri migliori auguri. 
E' stato un meraviglioso regalo di Natale, atteso con gioia e trepidazione, ma ci ha anche dato la misura di una distanza che la tecnologia solo in parte può colmare.

Nostalgia del cibo e delle specialità natalizie italiane. Molte cose le abbiamo trovate nei negozi italiani, ma quelle meravigliose specialità locali e artigianali (come la lingua al verde, o il salame cotto) non possiamo neppure sognarcele. Per fortuna il panettone “Galup” è arrivato, grazie al meraviglioso papà. 

                               cesti natalizi (1)111111


Nostalgia, soprattutto, del cenone natalizio, con tutta la famiglia riunita. 

                                     Cenone di Natale

So bene che per molti è una tortura, ma a me è sempre piaciuto tantissimo, anche dover cucinare per 15 persone, caricare la macchina di ogni sorta di leccornie in quantità sufficienti a sfamare un esercito e portare tutto (messo nel bagagliaio della macchina come il tetris) a casa della nonna (eletto punto di ritrovo) che, per l'occasione addobbava tutta la casa come se fosse un albero di Natale.
Mi manca passare il pomeriggio a scartare i regali che Babbo Natale aveva disseminato a casa dei nonni e discutere per i posti a tavola.
Mi mancano i brindisi, che dopo il terzo io ero già brilla e, persino, la divisione degli avanzi, da cui noi (che eravamo quelli che avevamo cucinato) eravamo esclusi perchè tanto quei piatti li sapevamo fare.

Mi manca tutto, persino le liti, il nervoso per i ritardatari...ecc ecc ecc.

Anche quest'anno, naturalmente, cucinerò per un esercito e mangeremo avanzi fino alla Befana, che, per la cronaca, qui non si festeggia, ma che da noi arriva ugualmente; cercheremo di vedere tutti con skype, che quel giorno, come tutti i Natali, non funzionerà, perchè mica siamo gli unici expat; i nostri figli scarteranno i regali che Babbo Natale dei nonni ha fatto arrivare direttamente da noi; costruiremo ogni sorta di aggeggio LEGO, perchè i miei figli sono dei LEGOmaniaci e vedremo in streaming un film di Natale (a meno che, in preda alla follia del Natale, non andiamo al cinema a vedere un film tedesco) e sorriderò felice vedendo i bambini super agitati e contenti (di solito non manca nemmeno qualche pianto).

Però nulla potrà sostituire il calore di quei cenoni (o pranzi) di Natale, quelle tavolate chiassose di cui tutti si lamentano, ma a cui tutti, inevitabilmente partecipano ogni anno con entusiasmo
.
A tutti quelli che: “Ora che siete in Germania state bene!” , vorrei far presente che durante le feste a noi expat viene presentato il costo dell'emigrazione.

A tutta la mia famiglia, a tutti i miei amici e alla piccola Adelaide, voglio invece dedicare questo post, per fargli sapere che sono importanti e che sono il pezzo del mio cuore che ha ancora la residenza italiana.



Nessun commento:

Posta un commento